VULNERABILITA'

La vulnerabilità sismica di una struttura consiste nella valutazione della maggiore o minore propensione della struttura stessa a subire danni per effetto di un terremoto di assegnate caratteristiche. Essa rappresenta una proprietà intrinseca della costruzione, dipendendo dalle caratteristiche strutturali (geometriche e costruttive) reali della struttura. La sua determinazione costituisce un aspetto cruciale per la valutazione della sicurezza strutturale in caso di terremoti. 


In linea generale, la procedura per la valutazione della vulnerabilità sismica degli edifici può far leva su diversi gradi di approfondimento e complessità di calcolo; la procedura prevista in questa sezione,si basa sull'analisi di una serie di informazioni relative alle caratteristiche degli elementi costitutivi dell'edificio che vengono raccolte tramite schede:


“Scheda di censimento dati di “livello 0” questa scheda prevede unicamente l’acquisizione di dati sommari sull’ opera ed è applicato in modo sistematico a tutte le tipologie individuate al fine di consentirne l’inserimento in un data base generale con interfaccia geografico.


“Livello 1” e “Livello 2” sono verifiche di sicurezza puntuali che si differenziano fra loro per il campo di applicazione, dipendente dalla regolarità delle strutture, per il diverso livello di conoscenza ed i diversi strumenti di analisi e di verifica richiesti.


“Scheda di 1° livello per il rilevamento dell’esposizione e della vulnerabilità degli edifici” contiene i dati relativi alla localizzazione, alla geometria ed alla tipologia dell'edificio.


“Scheda di vulnerabilità di 2° livello” contiene i diversi elementi che contribuiscono a determinare il comportamento della struttura in presenza di forze sismiche.


Si ritiene utile sottolineare che, come tutte le procedure di valutazione della vulnerabilità degli edifici esistenti basata sulla compilazione di schede cartacee, il livello di approfondimento dell'analisi è comunque preliminare ed i risultati con essa ottenuti possono essere utilizzati al massimo per stabilire delle priorità di intervento.


Di conseguenza, l'obiettivo di arrivare a stimare la vulnerabilità sismica globale di un fabbricato anche ai fini della redazione di un progetto strutturale di miglioramento/adeguamento sismico, non può che essere conseguito attraverso l'esecuzione di calcoli strutturali coerenti con i metodi di analisi previsti dall'attuale normativa tecnica (al momento, DM 14 gennaio 2008) e relative circolari applicative!

Copyright © 2014. Regione Marche