Elenco strutture cofinanziate e resoconto finale

Elenco scuole cofinanziate.pdf

 

Osservazioni a consuntivo delle verifiche

L'estrapolazione dei dati relativi alle verifiche di vulnerabilità condotte su un campione di 114 edifici scolastici, ha messo tra le altre cose in evidenza le seguenti peculiarità:

- Non esiste un rapporto direttamente proporzionale tra grado di vulnerabilità e costo dell'intervento per adeguare le strutture; 

- Non esiste un rapporto direttamente proporzionale tra volume del fabbricato e costo dell'intervento per adeguare le strutture.

Questi aspetti rivestono una particolare importanza perchè la tendenza è quella di erogare i contributi per l'adeguamento sismico in ragione di un costo parametrico funzione della volumetria del fabbricato, in base al valore dell'indice di rischio.

L'esperienza svolta su un numero comunque significativo di edifici ha dimostrato che l'entità degli eventuali interventi di adeguamento è funzione piuttosto del grado di diffusione delle carenze nell'ambito strutturale; per fare un esempio, nelle strutture in cemento armato, molto spesso le carenze strutturali gravi si collocano in corrispondenza dei pilastri tozzi dei vani scala. 

La vulnerabilità dovuta a tali carenze comporta generalmente la determinazione di indici di rischio molto bassi (quindi maggiore vulnerabilità), tuttavia un intervento limitato a tali zone, e quindi economicamente poco rilevanti, comportano un aumento della sicurezza notevole.

Al contrario, altre volte si possono rilevare carenze meno gravi in termini di deficit che comportano indici di rischio più alti (il che si traduce in minore vulnerabilità), ma se le carenze sono diffuse in tutto il fabbricato, l'intervento per adeguare si rivela economicamente più gravoso.

I seguenti grafici, che rappresentano i dati ricavati dalla presente esperienza, mostrano chiaramente quanto appena affermato.

 

    

 

       

L'andamento dei grafici sembra anche indicare che un presunto costo parametrico per interventi di adeguamento sismico possa essere indicato in circa 130 Euro/m3 (nei grafici rappresentato da una linea orizzontale rossa), con il quale si coprono le esigenze della maggior parte dei casi studiati.

 

Copyright © 2014. Regione Marche